La nostra storia

la01-donna-rosa-piccion

La Ciclistica Milano affonda le proprie radici nella rinascita del ciclismo urbano di inizio anni 2000, quando a Milano spuntano le prime ciclofficine e si apre la caccia ai vecchi telai per “fissarli”. In quegli anni il negozio di via Pellizza Da Volpedo 12 propone la prima “fissa urbana” di produzione, con geometria da pista modificata per un miglior uso in strada.

E’ l’inizio di un’avventura destinata a crescere ed evolversi. Nel 2013 nuovi soci e nuovi capitali consentono a La Ciclistica Milano di progettare una collezione di biciclette completamente nuove, destinate a essere il miglior mezzo di trasporto e svago sul mercato. Hanno geometrie classiche (la classica MTB da 26, la pista tradizionale, la sport da 28, la ciclocross, la 29er) modificate in alcuni parametri per un miglior uso in ogni situazione non agonistica: mobilità urbana, tempo libero, escursione, viaggio.

Velo And The City srl, società proprietaria del marchio La Ciclistica Milano, è stata fondata da due amici di vecchia data, che hanno sottratto al debito pubblico i risparmi di una vita di lavoro in altri settori e li hanno investiti a Milano in un’attività di servizi per la mobilità sostenibile, dando un’opportunità di lavoro a giovani meritevoli.

L’azienda ha connotazione etica: contratti di lavoro a tempo indeterminato, prezzi trasparenti, gestione rispettosa delle regole, attenzione al cliente.

La nostra sfida è dimostrare che:
(1) non è necessario usare componentistica di alta gamma – conseguentemente chiedere prezzi elevati – per fare biciclette belle, eleganti, solide, efficienti. Si possono produrre ottime biciclette artigianali italiane e venderle a costi realistici, spesso inferiori a quelli delle bici importate.
(2) in Italia ce la si può fare rispettando le regole sul commercio e il lavoro, anche se a volte appaiono ingiuste o vessatorie.

Lavoriamo con allegria e impegno, crediamo in ciò che facciamo e in come lo facciamo. Chi si relaziona con noi trova cortesia, collaborazione, sincerità e volontà di risolvere i problemi, perché la bicicletta deve essere un momento gioioso a partire dall’acquisto, per chi la compra e per chi la vende.